venerdì 13 aprile 2012

E poi ci sono giornate così, in cui non ha mai smesso di piovere ed è tutto un po' più grigio ogni minuto che passa. Ma c'è quel buon odore di bagnato, e mi dimentico di tutti i perché.
In cui dentro, in casa, il silenzio è l'unico a tenermi compagnia.
E il telefono non ha mai suonato, e c'è un profumo di vaniglia che sale dalla tazza di tè bollente lì sul tavolo. E io so che non c'è situazione più perfetta per studiare, ma tutto mi annoia, tutto quasi mi infastidisce. Storia dell'arte, mi ricordo, mi piaceva. E c'è l'ultima puntata di Downton Abbey che sta là, in quella cartella, che aspetta solo di essere vista. Che voglio, voglio vedere.

E non capisco cos'è che mi disturbi così tanto dell'essere a casa da sola in questa giornata che mi sa di poco. Forse la torta che ho finito, e neanche mi piaceva. L'ho solo mangiata.
Forse proprio essere da sola fino alle cinque, o ritrovarmi qui a scrivere queste stupidaggini  in foglietti di carta, invece di qualcosa che assomigli più a me, a quello che ho in mente da un bel po'.
Ma sono quasi le cinque, e la smetto.

10 commenti:

  1. È la popggia che induce a questa condizione. Bellssima, la pioggia, eppure ti intorpidisce. Vorresti fare tutto, vorresti fare le cose più belle, ma la pioggia non te lo permette. Non so perché, è una sorta di transizione. Devi solo guardare fuori della finestra e osservarla cadere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io rimarrei a guardare la pioggia sempre, davvero. Mi calma, mi rilassa. Ma spero smetta di piovere presto, così posso tornare a fare qualcosa. :)

      Elimina
  2. Vedo che a volte non sono il solo a sentirsi così. Pur avendo un mondo di cose da fare.

    E.

    RispondiElimina
  3. certe giornate non ci capiscono

    RispondiElimina
  4. ultimamente mi sento proprio così... troppo spesso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non disperare Giulia, ci saranno presto giorni pieni di sole!

      Elimina
  5. Ogni tanto però ci vogliono, queste giornate un po' vuote, passate in silenzio e con il profumo di vaniglia. A me la pioggia di giorno toglie ogni voglia ed interesse, mi fa sentire fuori dal mondo. La pioggia di notte invece è speciale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho un rapporto davvero strano con la pioggia, ma indubbiamente l'adoro.
      A volte ci sono giorni in cui non dà risposte ma crea solo una serie infinita di stupidi, sciocchi dubbi, giorni in cui tutto ti dà fastidio. Poi però ci sono questi temporali che non puoi dimenticare, quelli che improvvisamente si fanno sentire e ti squarciano il cielo e la mente, e allora rimani incantata ad ascoltarla per ore.
      E alla fine, come dici tu, c'è la pioggia di notte, una meraviglia indescrivibile. E ti senti in pace.

      Elimina
  6. le cinque sono passate da un bel po'... hai ripreso a scrivere quello che hai in testa da un bel po'? La pioggia mi piace, ma solo se non DEVO uscire. Mi piace guardarla attraverso un vetro. Mi piace ascoltarla mentre tamburella sul tavolino di metallo che ho lasciato fuori, cavolo! Mi piace annusarla quando tutto è finito.

    RispondiElimina