mercoledì 17 ottobre 2012

Leggetelo, e non ve ne pentirete

Nell'aereo che da Londra mi avrebbe riportato in Italia, sedevo affianco a una coppia di ragazzi. I loro occhi tradivano la loro provenienza.
Prima di riporre la mia borsa nel portabagagli, ho tolto dalla tasca anteriore un libro, e mi sono seduta. Sentivo gli occhi della ragazza su di me, mentre bisbigliava al suo ragazzo qualcosa in una lingua che non conoscevo.
Non appena mi sono voltata verso il finestrino, ho incontrato il suo sguardo sorridente.
That is my favourite book. Haruki Murakami. It's a very famous author in our country, that's because we're Japanese...
Sorrido a mia volta, come per dire che l'avevo capito.
I've just started reading it, but it's really good, rispondo.
Poi l'aereo decolla, i due si addormentano e io continuo a leggere il mio libro.

Implicitamente, ho consigliato di leggere solamente due libri in questo blog. Oggi, a questa piccola lista, mi sento di aggiungerne un altro.
Norwegian Wood l'ho scoperto grazie a un articolo su Finzioni. Incuriosita dal titolo, sono andata a leggermi la trama. E l'ho comprato subito.
Non posso dire altro, se non questo. Leggetelo, e non ve ne pentirete.
Perché è un libro che con la sua affascinante drammaticità ti cattura, e ti consuma.

Ma a partire dalla notte in cui morì Kizuki, non riuscii più a vedere in modo così semplice la morte (e la vita). La morte non era più qualcosa di opposto alla vita. La morte era già compresa intrinsecamente nel mio essere, e questa era una verità che, per quanto mi sforzassi, non potevo dimenticare. Perché la morte che in quella sera di maggio, quando avevo diciassette anni, aveva afferrato Kizuki, in quello stesso momento aveva afferrato anche me.


10 commenti:

  1. Ho appena scoperto che Murakami ha tradotto, tra le altre cose, Salinger (Il giovane Holden) e Fitzgerald (Il grande Gatsby).

    Come dire, allora devo rimediare.


    Marco87

    RispondiElimina
  2. È l'unico libro di Murakami che ho veramente apprezzato.
    Bellissina lettura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho letto solo questo. Alcune cose non sono state di mio gradimento (ho certe fissazioni piuttosto intransigenti), ma a parte questo l'ho trovata una lettura naturale, senza sforzo.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Vedrai che si rivelerà una lettura interessante... detto da una che ti ha consigliato Oceano Mare, però :)

      Elimina
    2. Be' ma Oceano Mare devo sicuramente rileggerlo :)
      Comunque l'ho preso, e non vedo l'ora di leggerlo.

      E.

      Elimina
  4. Mi ha sempre incuriosito per il titolo, una delle più belle canzoni dei Beatles... lo devo leggere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di sicuro non è tempo sprecato, ecco. Una lettura molto delicata e godibile. E la canzone è in qualche modo una dei protagonisti, a mio modo di vedere.

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina